GO ELEVEN,Roman Ramos si conferma in zona punti.

Il nono round del mondiale Superbike è stato contraddistinto da un week end torrido con temperature d’aria e di asfalto da record, che hanno reso I turni di prova e le gare una sfida contro il caldo. Il buon lavoro dei tecnici Go Eleven svolto durante le prove ha rimediato alla sfortunata Superpole, nella quale Roman Ramos ha colto il diciottesimo tempo.

Nella prima manche del sabato lo spagnolo numero 40 ha lottato duramente nelle fasi iniziali della corsa, rimediando una partenza complicata, senza perdersi d’animo, Roman ha siglato tempi sul giro nell’ordine del 37.0 costante sino a sorpassare diversi avversari tra cui la Honda ufficiale di Jake Gagne.
Negli ultimi giri Ramos aveva un passo gara più veloce di quello dell argentino Tati Mercado, dimostrando il buon feeling con la sua ZX10RR sulla pista di Misano e la tredicesima posizione finale avrebbe potuto anche essere un nono posto.
Partenza ad hanficap per Ramos nella frazione domenicale, ritrovatosi a rincorrere il gruppo sin dalla prima tornata, ma già dal secondo giro sono arrivati i sorpassi decisivi ai danni di Andreozzi, Jacobsen ed altri.
Con un ritmo valevole da top ten Roman è riuscito anche a sorpassare nel finale la Kawasaki di Hernandez collocandosi definitivamente in zona punti ad un soffio dalle Honda e Yamaha ufficiali, portando a 4 punti il bottino totale della squadra.
La supersport ha visto l’esordio del promettente tedesco Christian Stange, sfortunato autore di due cadute durante le prove non si è perso d’animo, migliorando notevolmente il suo crono in gara che però non è riuscito a finire a causa della poca esperienza nella gestione della frizione.
Ottimo il progresso di Iturrioz, partito dalla trentaquattresima casella in griglia, per dover scontare una penalità presa nel warm up, riesce ad ottenere una ventunesima posizione finale, confermando così I progressi ed il feeling crescente.

Roman Ramos: Nonostante mi trovassi a duellare contro moto e piloti moto veloci, sono riuscito a superarli sfruttando la staccata come mio punto di forza. Nel finale avevo un passo gara che mi avrebbe consentito di entrare in top ten confermando il mio feeling crescente con la moto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *