L’olandese volante scaccia la maledizione di Dininghton, primo non inglese sul podio dal 2012

Nessun pilota non britannico ha vinto a Donington Park dal 2012, e dalle sessioni di prove libere e Superpole, pochi avrebbero predetto che sarebbero cambiati oggi in Gara 1. Ma Michael van der Mark (Pata Yamaha Official WorldSBK Team) ha buttato fuori la sceneggiatura per il Prosecco DOC UK Round con un sensazionale giro, volando dalla sesta alla griglia alla sua prima vittoria assoluta nel MOTUL FIM Superbike World Championship.

Van der Mark è il primo pilota olandese a vincere nella massima categoria, e la prima vittoria per un pilota Yamaha da Algarve 2011, Gara 2. L’olandese ha lasciato sia Jonathan Rea (Kawasaki Racing Team WorldSBK) che Tom Sykes (Kawasaki Racing Team WorldSBK ) scioccato e in lotta per il resto del podio, con l’irlandese del nord in seconda e il “Superpoleman” in terza posizione.

La battaglia psicologica tra i KRT, che guidava la prima fila, è iniziata sin dall’inizio. Rea è arrivato in testa alle luci, con la coppia che ha litigato per il settore 1. Sykes ha colpito tre giri più tardi al vecchio tornante, ma è andato largo al circuito di Melbourne. Due giri più tardi, un aggressivo Sykes è tornato in testa, stessa mossa, stesso punto.

I Kawasaki erano in bilico – ed era stato ampiamente previsto – a dominare il weekend di Donington, ma van der Mark ha immediatamente tirato una chiave inglese, l’unico pilota in grado di tenere testa a Rea e Sykes dopo aver superato il suo compagno di squadra Alex Lowes (Pata Yamaha Official WorldSBK Squadra). Ma il pedinamento dei KRT non è stato sufficiente per l’olandese volante: Rea è andato largo a Melbourne al 13 ° giro, lo stesso che aveva fatto qualche giro prima, e van der Mark è andato in seconda posizione.

Un paio di giri dopo, ha attaccato di nuovo. Van der Mark ha chiuso il naso a Melbourne, ancora una volta, ha chiuso la linea su Sykes, e ha fatto esplodere in testa. Ma la battaglia era lungi dall’essere finita qui: Rea ha scelto la tasca del suo compagno di squadra intorno a Schwartz a 6 giri dalla fine, e ha sparato a van der Mark, sentendo l’odore del sangue. Eppure oggi non doveva essere per il campione in carica, il pilota della Yamaha non sbagliare e incontrare la bandiera.

Dietro la sensazionale battaglia sul podio, Lowes ha concluso al quarto posto, dietro al compagno di squadra, ma ha segnato un fantastico traguardo nella sua gara di casa. Avrà anche il premio di consolazione di guidare la linea in Gara 2. Lorenzo Savadori (Milwaukee Aprilia) ha finalmente tradotto le sue grandi prove di qualificazione e prove libere in un grande finale di gara, arrivando a Donington in quinta posizione, davanti al suo compagno di squadra, Eugene Laverty (Milwaukee Aprilia), in sesta.

Con le moto Kawasaki, Yamaha e Aprilia tutte fenomenali, è stata una giornata dispiaciuta per la Ducati, con Chaz Davies (Aruba.it Racing – Ducati) che lo ha inserito tra i primi dieci, in ottava posizione. Marco Melandri (Aruba.it Racing – Ducati) si è schiantato a cinque giri dalla fine, ed è entrato in Gara 2 senza punti.

Loris Baz (GULF Althea BMW Racing Team) è arrivato in settima posizione, con Leon Haslam (Kawasaki Puccetti Racing) che ha concluso al nono posto dopo un’emozionante battaglia con il suo compagno di squadra a Donington, Toprak Razgatlioglu (Kawasaki Puccetti Racing), che è caduto sul ultimo giro. La chiusura della top ten è stata Leon Camier (Red Bull Honda World Superbike Team) sul suo pieno ritorno in WorldSBK dopo l’infortunio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *