Volley: Conegliano batte Novara in finale e si laurea Campione d’Italia

È tutto vero. Conegliano non sta sognando, in gara 4 della Finale Scudetto, le Pantere hanno mandato in visibilio un PalaVerde tutto esaurito asfaltando la Igor Novara con un netto 3-1(28-26; 25-21; 22-25; 25-12). Si tratta del secondo tricolore da conservare in bacheca dopo quello vinto nel 2016. Le ragazze di coach Daniela Santarelli non hanno deluso le aspettative e nella gara 4 della Finale Scudetto si sono battute senza concedere quasi nulla alle Campionesse d’Italia in carica.

Nella regular season Conegliano ha raggiunto un terzo posto condito da tre sconfitte su tre nelle ultime partite. Ma poi nei play-off è come se si fosse accesa una scintilla, che ha permesso alle ragazze guidate dalla Santarelli di eliminare dapprima Scandicci(arrivato 2° nella regular season) e nell’atto conclusivo hanno demolito Novara. Samantha Fabris è la donna tricolore con la serie finale di aces che ha spaccato il quarto set, mentre Joanna Wolosz ha compiuto un salto in avanti importante in cabina di regia (premiata come MVP). Megan Easy (a inizio anno), Robin De Kruijf (a metà) e Raphaela Folie (in gara3) non hanno fermato lo strapotere di una corazzata che il prossimo weekend sarà impegnata nella Final Four di Champions League (semifinale contro il VakifBank Istanbul di Guidetti).

La cronaca – L’avvio della gara è tutto della Igor che però deve fare a meno di Plak(sostituita dalla Enright) ed è costretta a schierare Skorupa che non ha recuperato del tutto da una contrattura all’anca. Novara spinge e mette in difficoltà Conegliano con Egonu coinvolta sin da subito, ma l’Imoco non si arrende mai e piazza un parziale di 8-2(dal 7-8 Novara al 15-10 Imoco). Un paio di errori di Fabris e un muro di Chirichella su Bricio mettono le cose in parità sul traguardo, siamo 22-22. Novara spreca due set point e Conegliano al secondo tentativo ne approfitta e chiude il set su un errore di Egonu. La partenza del 2° set è una fotocopia del primo: Novara spinge sull’acceleratore e allunga decisa sul 10-6, ma l’Imoco riceve una carica immensa dai suoi tifosi, punto dopo punto recupera il passivo fino al sorpasso targato Fabris per il 17-16.  Ancora Hill, la donna dei finali di gara, spara il 21-18 mentre è entrata Plak per Enright in casa Igor, ed è proprio l’olandese ad accorciare. Ancora Fabris, colpo di alta scuola per il 24-21 e come nel set precedente Egonu sbaglia il colpo finale per il 25-21, Imoco avanti 2-0.

Il 3° set è ancora una lunga rimonta di Conegliano che sotto 12-18 si accende improvvisamente, chiude ogni spazio a muro e in difesa e arriva fino al 20-21. Questa volta però è Novara a spuntarla, ma la festa è solo rimandata perché nel 4° le Pantere aggrediscono all’avvio e non lasciano scampo alle ormai ex campionesse d’Italia in carica.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *